a-GRit, Accademia della Crusca, Cultura, Home

Le sfide del multilinguismo

4 ottobre 2013 Nessun commento

Nell’avvicendamento dei relatori alle serate con l’Accademia della Crusca, ieri è stata la volta di Gaetano Berruto, dell’Università di Torino, e Bruno Moretti, 
dell’Università di Berna. Le facce del multilinguismo e la situazione in Svizzera al centro della tavola rotonda.

La serata di giovedì ha suscitato un ricco dibattito non solo fra i professori seduti al tavolo e moderati da Sandro Bianconi, ma anche con il pubblico in sala, costituito principalmente da insegnanti. Il plurilinguismo delle persone e delle istituzioni è qualcosa che si è dimostrato essere sempre in trasformazione e bisognoso di continua attenzione: queste alcune delle deduzioni che si possono trarre dalle relazioni di Gaetano Berruto e di Bruno Moretti e dalla discussione successiva.

Ascolta il Foglio Volante (dal minuto 13′).

Nella foto, da sinistra: Gaetano Berruto, Sandro Bianconi e Bruno Moretti

La serata è stata aperta con un’inaspettata presentazione del nuovo libro di Bianconi L’italiano lingua popolare. La comunicazione scritta e parlata dei “senza lettere” nella Svizzera italiana dal Cinquecento al Novecento, da parte di Nicoletta Maraschio, presidente dell’Accademia della Crusca, e Gian Andrea Walther, custode dell’Archivio storico.

Leggi anche: La Bibbia di Diodati.

Commenta questo articolo








nove − = 3

Notizie in tempo reale

Avvisi

La Pro Junior Bregaglia cerca rinforzi

Projunior

Per l’organizzazione e la gestione del programma del “Divertimento vacanze” nell’estate 2024.

Proiezione del film “Düü Testimoni Scomod”

Dialetto

Sabato 16 marzo, con Yor Milano. Ore 20.00, a Vicosoprano, presso la sala polivalente.

Campo estivo 2024

campo

Cerchiamo accompagnatori/rici.

Offerta di lavoro

Avviso

Einen/e Primarlehrer/in (Arbeitspensum 70-100%).

Le tue foto

Calendimarzo 2024

Calendimarzo2024_Soglio

Foto di E. Nunzi.

Satira di Bregaglia

La vignetta della settimana

Schermata 2024-03-03 alle 17.25.24

Per sorridere un po’.