a-GRit, Home, Recensioni

Le campane di Piuro

3 dicembre 2012 Nessun commento

È il titolo italiano del romanzo ottocentesco Die Glocken von Plurs, tradotto da Gian Primo Falappi. La pubblicazione è a cura dell’Associazione italo-svizzera per gli scavi di Piuro.


Alle prove di coro per l’esecuzione dell’opera lirica Die Glocken von Plurs, nel 2010, non facevamo che chiedere «ma com’è la storia?». La storia esisteva ovviamente nel libretto dell’opera, in tedesco, che comunque nessuno aveva, e nel romanzo che aveva dato lo spunto per l’opera, in tedesco pure quello, scritto perfino in gotico, ma anche quello, non ce l’aveva nessuno. Bene o male la storia ci fu raccontata e bene o male noi cantammo fra le rovine di Belfòrt, diretti dal M. Antonello Puglia.
Che cos’hanno di speciale queste campane? Perché ispirarono prima un romanzo, poi un’opera lirica, poi ancora una pièce teatrale? Prima di tutto, furono disseppellite. Erano finite, insieme alla cittadina di Piuro, sotto la frana del 1618, ma furono recuperate. Però Ernst Pasqué, uomo di formazione musicale, quando nel 1882 visitò la Bregaglia, notò per prima un’altra cosa: il loro suono, la loro intonazione. Raccolse tutte le informazioni che gli occorrevano e ne scrisse un romanzo. Breve, in verità. Io l’ho comprato venerdì sera quando è stato presentato, nelle scuole di Prosto di Piuro, in coda all’assemblea dell’Associazione, e sabato sera l’avevo già finito.
Breve, e roba d’altri tempi. Però si legge bene: la storia, benché a tratti ingenua, è avvincente. E rende l’idea della realtà storica, quando descrive la rovina di Piuro, dei suoi palazzi, delle sue ricchezze, della sua gente così tragicamente e orribilmente annientata. Inoltre, descrive i luoghi con minuziosa precisione e la bellezza della Bregaglia, da Chiavenna al Maloja, con caloroso entusiasmo.
I lettori e le lettrici che frequentano questi luoghi avranno dunque anche la soddisfazione di riconoscerli, di poter pensare «ci saprei andare» o «ci sono stato». Ed è un’emozione tutta diversa da quella che si prova leggendo un qualsiasi altro romanzo, i cui luoghi possono essere perfettamente descritti, ma non li conosciamo e quindi li possiamo solo immaginare.
«Ma com’è la storia?» si domanderà qualcuno a questo punto. Non ho intenzione di svelare nulla: ora il libro c’è e ciascuno la può leggere e godersela, come certamente lo scrittore sperò nello scriverla. E come sperano oggi anche il traduttore, Gian Primo Falappi, che ha completato l’opera con un’interessante presentazione, e coloro che hanno reso possibile la pubblicazione, ovvero l’Associazione italo-svizzera per gli scavi di Piuro.

Ascolta anche il Foglio volante

Ernst Pasqué, Le campane di Piuro, edizione a cura dell’Associazione italo-svizzera per gli scavi di Piuro, 2012.
In vendita, al prezzo di 15 €, presso l’Associazione stessa, all’indirizzo: info@piuroitalosvizzera.net

Silvia Rutigliano

Commenta questo articolo








× otto = 64

Notizie in tempo reale

Inserzione a pagamento

Avvisi

Assemblea generale dello Ski Club Maloja

skm

Si terrà a Maloja presso l’Hotel Schweizerhaus, venerdì 21 giugno 2024, ore 20.00.

Offerta di lavoro

CSB

Il Centro Sanitario Bregaglia è alla ricerca di una figura polivalente da inserire all’interno del team servizio tecnico.

Chiusura notturna della strada del Maloja

Maloja

Aggiornamenti sul sito www.strassen.gr.ch

Corsi

arco

Arco, astronomia e tedesco.

Commenti recenti

Satira di Bregaglia

La vignetta della settimana

8tne1r

Per sorridere un po’.