a-GRit, Confederazione, Home

Federazione associazioni pensionate.ti e d’aiuto in Svizzera

28 marzo 2024

FARES//comunicato stampa\\
La FARES chiede periodi di transizione più lunghi.



Secondo il progetto preliminare del Consiglio federale, la legge sull’AVS potrebbe essere modificata per abolire le rendite vitalizie per le vedove e concedere rendite per i superstiti agli orfani e, per un periodo limitato, rendite transitorie per le vedove e i vedovi. Nella sua risposta alla consultazione, la FARES deplora il fatto che questo progetto ridurrà la sicurezza sociale per le nuove vedove e i nuovi vedovi. Se questi cambiamenti dovessero andare avanti, la FARES chiede periodi di transizione più lunghi.

Alla luce dei cambiamenti della società, in cui la maggior parte delle donne lavora, il Consiglio federale propone di abolire tutte le pensioni vedovili a vita non appena le vedove non avranno più figli di età inferiore ai 25 anni. Secondo la relazione che accompagna la proposta, la maggior parte delle donne lavora già oltre a occuparsi dei figli e della famiglia. La situazione economica generale consente a tutte le donne (e comunque a tutti gli uomini) di trovare un lavoro o di aumentare il proprio livello di occupazione. Non hanno più bisogno di una pensione di vedovanza a vita. D’altra parte, le pensioni di orfano e di reversibilità dovrebbero essere versate indipendentemente dallo stato civile dei genitori, così come una pensione transitoria limitata a due anni per le vedove e i vedovi. Per le vedove di età pari o superiore a 58 anni, l’attuale pensione di vedovanza continuerà ad essere applicata quando entrerà in vigore la modifica della legge.

Queste modifiche consentirebbero alla Confederazione di risparmiare 35 milioni di contributi AVS fin dall’entrata in vigore della legge, che aumenterebbero poi a 200 milioni all’anno entro il 2040.
La FARES si oppone al previsto smantellamento sociale: invece di migliorare le pensioni vedovili, le pensioni vedovili saranno smantellate.

Se il piano del Consiglio federale dovesse andare avanti, la FARES chiede quanto segue:
- La pensione transitoria per le donne e gli uomini appena rimasti vedovi dovrebbe essere pagata per un periodo transitorio di sei anni, sia dopo che il figlio più giovane ha raggiunto l’età di 25 anni, sia per le coppie senza figli;
- I diritti acquisiti delle vedove il cui figlio più giovane ha raggiunto l’età di 25 anni dovrebbero essere applicati a partire dall’età di 50 anni (anziché 55).
- Le vedove di età compresa tra i 45 e i 50 anni, il cui figlio più giovane abbia compiuto 25 anni, dovrebbero ricevere una pensione transitoria per 3 anni.
FARES sottolinea inoltre che il Consiglio federale ha avviato un progetto di smantellamento del sistema dopo la sentenza della Corte europea dei diritti dell’uomo (CEDU), nonostante il suo avvertimento. La sentenza obbligava la Svizzera a eliminare la discriminazione tra vedove (con figli fino a 25 anni) e vedovi (con figli fino a 18 anni).

Questa discriminazione è stata eliminata da una direttiva dell’Ufficio federale delle assicurazioni sociali, ma non quella nei confronti dei vedovi senza figli di età superiore ai 45 anni dopo cinque anni di matrimonio, per i quali attualmente non è prevista alcuna pensione di vedovanza.

Federazione associazioni pensionate.ti e d’autoaiuto in Svizzera.

Satira di Bregaglia

La vignetta del giorno

8njoju

Per sorridere un po’.