a-GRit, Altro dal Cantone, Cantone dei Grigioni, Home

Conoscere meglio l’anatomia degli animali selvatici grazie all’interazione

18 gennaio 2024

Affinché il loro colpo sia fatale, i cacciatori devono individuare immediatamente il punto in cui deve essere colpito l’animale selvatico. Al contempo la carne di selvaggina non deve essere alterata.

A seconda dell’angolazione in cui si presenta l’animale, ciò risulta difficile. Per rendere visibile questa problematica e sensibilizzare i cacciatori a tale riguardo, in collaborazione con l’Ufficio per la sicurezza delle derrate alimentari e la salute degli animali nonché con l’Associazione dei cacciatori grigioni con licenza, l’Ufficio per la caccia e la pesca ha sviluppato uno strumento interattivo per l’esercizio online.

Prima di trovarsi in una situazione in cui devono sparare a un animale selvatico, i cacciatori grigionesi devono seguire una formazione esaustiva. Oltre all’esercitazione con l’arma al poligono, tale formazione consiste nello studio di libri e nella frequenza di lezioni di teoria. Un’ulteriore parte importante della formazione sono i corsi LARGO, nei quali vengono messe a disposizione carcasse di animali selvatici come supporto visivo.
Finora non era possibile osservare ed esaminare le carcasse e i singoli organi di un animale selvatico nella vita di tutti i giorni. Ora uno strumento per l’esercizio online di recente realizzazione rende tutto ciò possibile per i cacciatori. Questo strumento interattivo per l’esercizio online costituisce un’integrazione al catalogo dei sussidi didattici e offre un sostegno durante la formazione.

Informazioni e interazione
L’interazione con modelli tridimensionali di diversi animali selvatici mira a consentire agli utenti di conoscere meglio l’anatomia degli animali. A questo scopo, lo strumento interattivo per l’esercizio online è suddiviso in tre parti: anatomia degli animali selvatici, simulazione dello sparo e igiene della carne. La prima parte offre la possibilità di consultare e mostrare/nascondere informazioni relative agli organi degli animali selvatici. È inoltre possibile ruotare in tutte le direzioni i modelli tridimensionali degli animali e ingrandire le diverse sezioni. In una seconda parte è possibile simulare lo sparo a un animale. È possibile riconoscere quali organi verrebbero colpiti e quali effetti un tale colpo potrebbe avere sull’animale. La terza parte contiene informazioni e immagini relative all’igiene della carne. Viene spiegato come i cacciatori si devono comportare a seconda di come hanno colpito l’animale.

La responsabilità rimane ai cacciatori
L’applicazione web si rivolge principalmente ai cacciatori che desiderano ampliare o rinfrescare le proprie conoscenze. La simulazione può fornire sostegno proprio in presenza di un’esperienza di caccia ancora limitata. Anche i non cacciatori sono invitati a utilizzare l’applicazione web e a scoprire in questo modo maggiori informazioni sull’anatomia degli animali selvatici.

È possibile utilizzare l’applicazione web sul sito web dell’Ufficio per la caccia e la pesca. In una seconda fase una versione semplificata della simulazione verrà messa a disposizione tramite l’app didattica della KoAWJ, la Commissione per la formazione e il perfezionamento dei cacciatori dell’Associazione dei cacciatori grigioni con licenza. Il nuovo strumento didattico deve essere inteso quale moderna raccolta di informazioni in aggiunta all’opuscolo dell’Associazione Svizzera dei Veterinari Cantonali. Esso non può tuttavia decidere se sia opportuno sparare o meno. La decisione ultima continua a essere

Inserzione a pagamento

Satira di Bregaglia

La vignetta della settimana

8ptegz

Per sorridere un po’.