I Florio, a-GRit

Concerto a Soglio

18 settembre 2015

Si avvicina il giorno del concerto nel quale verranno presentati numerosi brani musicali del teatro di Shakespeare. Il gruppo di progetto “Florio-Soglio”, che lo organizza, invita a numerosa partecipazione.

Il concerto è stato preparato e sarà eseguito dal chitarrista Luca Marazzi, con la partecipazione di Raffaello Torrisi e di Silvia Rutigliano. Sabato 19 settembre alle ore 18.30 nella chiesa di Soglio.

A seguire, alle 19.45, una cena presso il ristorante Stüa Granda, durante la quale si continuerà a vivere l’atmosfera rinascimentale con piatti appositamente elaborati. Prenotazione gradita entro oggi, giovedì 17 settembre.

Curriculum artistico di Luca Marazzi
Nato a Chiavenna nel 1975, intraprende presto lo studio della chitarra classica presso l’accademia «F. De Matteo». Successivamente inizia un percorso di maturazione e crescita artistica, dapprima sotto la guida del musicista Roberto Porroni e in seguito con i chitarristi Andrea Dieci e Luca Trabucchi. Partecipa ad importanti masterclass nazionali e internazionali.
È vincitore, per due volte consecutive, del premio «Musica e Natura» e del premio «Artists giuvens», nel Cantone dei Grigioni. Si diploma in chitarra classica presso il Trinity College di Londra.
Il noto giornalista e critico musicale Nino Romano lo ha recensito. Ha accompagnato con le sue note Alda Merini in un recital presso l’Università di Pavia.
Si è esibito, tra l’altro, a Parigi, ospite della Maison de Bresil, a Dusseldorf, per la Società Dante Alighieri, al Museo Segantini di St. Moritz, al Festival chitarristico di Menaggio, a Milano presso la chiesa dell’Incoronata, e in tutta la provincia di Sondrio, su invito di enti ed associazioni culturali, pubbliche e private.
Il suo repertorio spazia dalla musica antica (Dowland, Bach, Vivaldi), all’età classico-romantica (Paganini, Sor, Tarrega, Giuliani), al Novecento (Satie, Villa Lobos, Brouwer), senza dimenticare la musica tradizionale spagnola, sudamericana e delle Isole Britanniche, comprendendo autori e generi apparentemente lontani dal mondo delle sei corde.
Suona su una chitarra costruita dal liutaio Angelo Vailati.
È laureato in Lettere con una tesi in Storia dell’Arte.

Leggi il comunicato stampa di presentazione del concerto e della cena.