Ricette di Bregaglia

Cunserva da büt da pign

15 giugno 2012 Nessun commento

Miele di gemme di pino.
A fine maggio, inizio giugno sulle punte dei rami di pino spuntano le tenere e profumatissime gemme.





Ingredienti:
Gemme di pino
Acqua
Zucchero

A fine maggio, inizio giugno sulle punte dei rami di pino spuntano le tenere e profumatissime gemme. Raccogliete le gemme nella quantità desiderata, mettetele in una pentola coprendole appena di acqua e fatele cuocere per ca. 60 min, finché l’acqua risulta bianca.

Filtrate il liquido e ottenuto, e misuratelo con l’aiuto di un recipiente graduato.
1l = 2 kg di zucchero.

Aggiungete lo zucchero e mescolate il tutto in modo da far sciogliere lo zucchero, abbassate la fiamma al minimo e lasciate cuocere fino a raggiunge la densità tipica del miele (il tempo di cottura dipende dalla quantità di zucchero e liquido).

Per verificare la consistenza bisognerà fare più volte la prova del piattino (metter alcune gocce di miele su un piattino e lasciar raffreddare, poi vedere com’è la consistenza).

Raggiunta la consistenza desiderata versate il “miele” in vasetti sterilizzati e chiudeteli in modo ermetico. Fate raffreddare.

Si consiglia d’iniziare il consumo non prima di quindici giorni. Il miele di gemma di pino si conserva come qualsiasi marmellata, in un luogo fresco ed al buio. Si conserverà per più di un anno.

A tavola è ottimo accompagnato ad un formaggio stagionato, oppure semplicemente spalmato sul pane.

Per la salute: in caso di tosse e mal di gola (scioglietelo come dolcificante nel tè o nel latte caldo, e consumatene qualche cucchiaio durante il giorno).



Guarda anche le altre ricette

Commenta questo articolo








1 + = otto

Notizie in tempo reale

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Avvisi

Porte aperte presso il caseificio agrituristico Pungel

Pungel

Domenica 29 maggio, dalle 9.00, a Pongello presso il campeggio di Vicosoprano.

Porte aperte

Ruinelli

Domenica 29 maggio 2016, dalle 14.00 alle 18.00, si terrà una giornata di “Porte Aperte” in cui poter visitare due edifici progettati dallo studio Ruinelli Associati Architetti.

Pubblichiamo le tue foto

Un grazie a Carlo per l’organizzazione

elicottero

Foto di Flavia Roganti-Petti.