Cultura, Home, Piante di Bregaglia, a-GRit

Salute e bellezza, piante della Val Bregaglia

30 marzo 2016 Nessun commento

La Viola mammola (Viola odorata) è comune nei prati e nei pascoli, lungo le strade di campagna, fra i cespugli e nei boschi dalla pianura alla fascia montana. È la prima viola che compare nei prati in primavera, di colore viola scuro e molto profumata. Si trovano anche altre violette di tonalità più chiare, ma queste non hanno proprietà medicinali.

Di questa bellissima viola, si usano i fiori, le foglie e più raramente le radici.

I fiori della viola mammola sono usati per la preparazione di sciroppi, canditi, aceti e conserve e da crudi sono una favolosa guarnizione per pietanze dolci e salate. Le foglie di viola sono raccolte giovani, ancora un po’ arrotolate e aggiunte all’insalata; cotte aiutano a ispessire salse e minestre.

In fitoterapia i fiori si raccolgono quando stanno per sbocciare; le foglie quando la pianta è in piena fioritura. I fiori si essiccano all’ombra o meglio al sole, coperti con un giornale; le foglie si essiccano all’ombra.

I fiori sono considerati un buon rimedio nelle malattie di petto e sono impiegati in bronchiti, pleuriti, tossi, come espettoranti del catarro bronchiale e come sudoriferi. Sono dei buoni decongestionanti e antinfiammatori sia del tubo digerente sia delle vie urinarie.
Le foglie sono lassative a piccole dosi, in maggiori quantità sono purganti anche violenti!

Fiori-infuso: versare una tazza di acqua bollente su due cucchiaini di fiori essiccati e sminuzzati finemente, lasciar riposare un quarto d’ora e colare. Se ne prendono 2-3 tazze al giorno.
Foglie-decotto: bollire per 5 minuti 20 g di foglie essiccate, in un litro d’acqua e colare. Se ne prendono 1-2 tazze (di cui una prima di coricarsi) come blando lassativo.

Simbolo di modestia e d’innocenza, ha ispirato poeti e scrittori. Chi volesse rendere omaggio all’umiltà, scelga la violetta, soprattutto per farne dono ai potenti.

Foglie

Fiori



Avvertenze
Le informazioni contenute nelle schede sono solo indicative e non devono sostituirsi alla diagnosi e alle prescrizioni del medico curante. Informate sempre il vostro medico di tutti i farmaci e gli integratori di cui fate uso e non prendete iniziative senza consultarlo. Acquistate le piante medicinali in farmacia o in erboristeria.
Fate sempre molta attenzione alla raccolta, all’utilizzo e, soprattutto, al riconoscimento delle piante spontanee: non raccogliete specie d’incerta classificazione e seguite le indicazioni di una persona esperta. Attenzione alle piante tossiche, velenose o persino mortali.
Si declina ogni responsabilità per eventuali problemi o danni risultanti dalla messa in pratica delle indicazioni contenute in queste schede o derivati dal consumo di prodotti alimentari e fitoterapici preparati; trasformati e/o conservati con metodi casalinghi.


Accedi a: Salute e bellezza, piante della Val Bregaglia

Commenta questo articolo








+ sette = 16

Notizie in tempo reale

Ci piace segnalare

Mercatino di Natale

Mercatino

Venerdì 13, dalle ore 17, nel paese di Vicosoprano. Con musica in chiesa.

Azione di beneficenza

arance

Anche quest’anno vengono messe in vendita arance biologiche. Da prenotare entro venerdì.

Pubblichiamo le tue foto

Ago di Sciora con mezza luna

Ago

Foto di Piercarlo Guazzi.

Inserzione a pagamento

Meme made in Bregaglia

La vignetta della settimana

V164

“Vignette bregagliotte” è il nome dell’ironica pagina Facebook.