Bregaglia, Home, a-GRit

La nuova svizzera

8 gennaio 2016 3 commenti

Silvia Rutigliano è giornalista in Valle Bregaglia, collabora con la piattaforma online LA BREGAGLIA, con il settimanale Il Grigione Italiano e con la RSI. Da alcuni mesi ha la cittadinanza svizzera.

Perché ha avuto desiderio di diventare svizzera?
Quando, con la mia famiglia, abbiamo deciso di trasferirci in Svizzera, già pensavo che ci sarei rimasta, già lo vivevo come un passo definitivo. Vivendo qua tutti questi anni, anche se alcuni miti si sono sfatati e ho conosciuto meglio la realtà, l’intenzione di fermarmi non è cambiata. E se vivo in un posto, voglio viverci appieno, non a metà. Dato che io mi sono sempre interessata alla “cosa pubblica”, ritengo importante partecipare anche con il voto.

Qual è la prassi per fare richiesta di cittadinanza?
Ho dovuto rimanere nel Cantone dei Grigioni per 12 anni consecutivi, poi ho potuto fare domanda, producendo diversi documenti. Ho sostenuto un esame e ho pagato le tasse di naturalizzazione. In tutto mi è costato circa 1’600 franchi.

Che tipo di esame ha dovuto sostenere?
L’esame si svolge in Comune e serve a verificare che la persona sia inserita nel contesto sociale. Quindi mi hanno chiesto diverse cose riguardo alla Bregaglia (storia, geografia, amministrazione), poi qualcosa dell’amministrazione cantonale e federale. Non mi ricordo tutte le domande e nemmeno le vorrei dire, dato che suppongo che lo stesso esame sarà fatto anche a futuri eventuali candidati.

Silvia Rutigliano è svizzera: che effetto le fa?
Mi fa sbocciare un sorriso sulle labbra! Quando ho ricevuto la comunicazione dal Cantone ho subito avvertito i miei amici più stretti, e ho esposto al balcone la bandiera che mi ero procurata per tempo. Ho pagato da bere ai colleghi di lavoro, e anche ad altre persone. Ne sono felice. Ora, quando sento in radio “a febbraio saremo chiamati a votare su…”, sorrido, e penso che questa volta sono compresa anch’io!

Redazione LA BREGAGLIA

Attualmente ci sono 3 commenti

  1. scrive:

    Gentile Signora,
    approvo completamente la Sua decisione. Mi ha fatto molto piacere.
    L’ascolto alla radio e le Sue informazioni della Valle sono per me
    come essere presente in valle.
    Ho lasciato il mio paese nativo nel lontano 1951. Sono molto legato
    alla mia valle. Dal 1953 sono in Ticino.
    Mentalità molto differente adesso mi sono integrato benissimo.
    D’estate vengo sempre in Bregaglia. Spero di incontrarla a fare
    due parole,
    Cordialissimi saluti
    Vito e Gabriella

  2. scrive:

    Conoscendoti, sono convinto che è stato un tuo diritto. Auguri Silvia / CH

    negretti paolo

  3. scrive:

    Auguri!
    Silvia Corfu

Commenta questo articolo








+ 7 = quattordici

Notizie in tempo reale

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Avvisi

Porte aperte presso il caseificio agrituristico Pungel

Pungel

Domenica 29 maggio, dalle 9.00, a Pongello presso il campeggio di Vicosoprano.

Porte aperte

Ruinelli

Domenica 29 maggio 2016, dalle 14.00 alle 18.00, si terrà una giornata di “Porte Aperte” in cui poter visitare due edifici progettati dallo studio Ruinelli Associati Architetti.

Pubblichiamo le tue foto

Un grazie a Carlo per l’organizzazione

elicottero

Foto di Flavia Roganti-Petti.