Economia, Home, a-GRit

Stalla a Isola: il Cantone blocca

28 aprile 2015 1 commento

Il progetto di costruzione di una stalla per capre è stato fermato dal Cantone, che ha negato il consenso, sulla base del fatto che Isola si trova in zona di protezione. Contrari all’edificazione si sono espressi anche la Pro Lej da Segl e Pro Natura Grigioni. L’assemblea comunale aveva invece dato parere favorevole.

Sia la coppia Vreni e Flurin Cadurisch-Knuttli sia il Comune hanno deciso di fare ricorso nei confronti della decisione cantonale dell’Ufficio per lo sviluppo del territorio, che all’inizio del mese di febbraio ha emesso il suo parere contrario alla costruzione di una stalla per capre a Isola. Questo piccola frazione nel pressi di Maloja si trova infatti nel perimetro dell’oggetto n. 1908 «Paesaggio lacustre dell’Engadina alta e gruppo del Bernina» dell’Inventario federale dei paesaggi e monumenti naturali d’importanza nazionale (IFP).

L’assemblea del comune di Bregaglia – proprietario del terreno – aveva concesso alla famiglia Cadurisch il diritto di superficie e questa aveva chiesto un permesso di costruzione. Per il comune andava tutto bene, ma non per il Cantone. Così come non va bene per le associazioni Pro Natura Grigioni e Pro Lej da Segl.

«Non capisco – dichiara Vreni Cadurisch – perché Pro Natura sia contraria alla costruzione della stalla a Isola: loro fanno progetti con le capre, e noi siamo un’azienda agricola con le capre. Non capisco neppure la Pro Lej da Segl: con quale criterio affermano che il progetto della stalla è brutto?».

Il municipale Emilio Giovannini, che segue la vicenda per conto del comune, spiega che secondo la vigente pianificazione locale, approvata dal vecchio comune di Stampa, il progetto viene a trovarsi in zona agricola (ZA) sovrapposta per intero da una zona di protezione del paesaggio (ZPP) e in parte da una zona di protezione della natura (ZPN). «A parte quest’ultima – afferma il municipale, responsabile del Dicastero lavori pubblici e pianificazione – la ZA e ZPP sono conformi alla costruzione di un edificio agricolo e soltanto un angolino si trova in ZPN dove esiste un divieto di costruzione».

Il comune di Bregaglia ha inoltrato ricorso perché ritiene lesa l’autonomia comunale, per principio e al fine di evitare precedenti compromettenti.

I tre punti contestati dall’Ufficio per lo sviluppo del territorio sono i seguenti, ai quali risponde puntualmente Emilio Giovannini.

Il progetto di una nuova stalla non può essere autorizzato perché violerebbe il divieto di costruzione di cui alla vigente ZPN.

«Qui è necessario un cambiamento della ZPN siccome su questa zona non è permessa alcuna costruzione. Comunque il cambiamento era minimo e previsto nell’armonizzazione delle cinque pianificazioni locali in vigore o tramite un adattamento del progetto della stalla».

Il progetto di una nuova stalla non può essere autorizzato perché violerebbe il principio di protezione dello spazio riservato alle acque.

«Qui si trova facilmente la soluzione in una rivitalizzazione della golena che dia la distanza necessaria e chiesta tra l’edificio e il fiume».

Il progetto di una nuova stalla non può essere autorizzato perché violerebbe il divieto di costruzione di cui alla vigente ZPP e contrasterebbe interessi preponderanti relativi alla protezione del paesaggio (oggetto n. 1908 IFP).

«Questo divieto di costruzione in ZPP deciso dall’Ufficio per lo sviluppo del territorio non può essere accettato visto che l’assemblea comunale di Stampa in data 20 novembre 2007 ha approvato la zona ZPN vigente ed ha però rifiutato la proposta del suddetto Ufficio che voleva tutti i dintorni di Isola (prati) in zona ZPN e quindi non edificabile. Oggi, se la decisione cantonale entrasse in giudicato a Isola non sarebbe più possibile costruire una stalla su terreno comunale. Perciò il municipio non poteva fare altro che inoltrare ricorso, in un primo tempo con la richiesta di sospensione della decisione dell’Ufficio medesimo onde ridiscutere il tutto e rendere possibile, anche in futuro, la costruzione di una stalla a Isola, che a nostro parere – conclude il municipale Giovannini – è di interesse pubblico».

Silvia Rutigliano

Attualmente c'è un commento

  1. scrive:

    Prendere la pro lei da Sils e la pro natura grigioni e andare sopra il mare Atlantico ed
    aprile gli sportelli.
    Magari bisogna ungere…….

    Sveglia

    Vito Ruinelli

Commenta questo articolo








sei + = 12