Articoli cultura, Cultura, Home, a-GRit

Leggere il teatro

21 aprile 2015 Nessun commento

Le biblioteche di valle hanno organizzato una serata pubblica con Stefano D’Archino. Il quale ha presentato le opere di Shakespeare.

Leggere il teatro si può? È interessante? È appropriato? Oppure il teatro è scritto per essere recitato e dunque bisogna assistere alle rappresentazioni e lasciar perdere la lettura dei copioni?

Da questi interrogativi è partita l’interessante conferenza del pastore Stefano D’Archino, che ha portato numerosi argomenti a favore della lettura dei testi teatrali del massimo drammaturgo William Shakespeare. Senza addentrarsi nella discussione sulla sua reale identità.

Leggendo – ha sottolineato D’Archino – possiamo noi immaginare l’ambientazione, la scenografia, i costumi. Possiamo leggere ad alta voce decidendo l’intonazione da dare, dando al personaggio lo stile che vogliamo. Per spiegare concretamente questo concetto, il relatore ha proiettato tre brevissimi spezzoni di film, con tre diverse interpretazioni del discorso di Marco Antonio alla folla romana, contenuto nella tragedia Giulio Cesare.

Durante la serata, sono stati portati numerosi altri esempi della ricchezza contenuta nelle opere – tragedie o commedie – di Shakespeare.

Le traduzioni in italiano delle opere di Shakespeare non mancano di certo. I libri possono essere acquistati facilmente e a basso prezzo. Oppure presi in prestito dalle biblioteche di valle.

Redazione LA BREGAGLIA

Commenta questo articolo








7 − = sei

Notizie in tempo reale

Ci piace segnalare

Mercatino di Natale

Mercatino

Venerdì 13, dalle ore 17, nel paese di Vicosoprano. Con musica in chiesa.

Azione di beneficenza

arance

Anche quest’anno vengono messe in vendita arance biologiche. Da prenotare entro venerdì.

Pubblichiamo le tue foto

Ago di Sciora con mezza luna

Ago

Foto di Piercarlo Guazzi.

Inserzione a pagamento

Meme made in Bregaglia

La vignetta della settimana

V164

“Vignette bregagliotte” è il nome dell’ironica pagina Facebook.