Articoli cultura, Cultura, Home, Recensioni

Alberto e Diego, una coppia

2 aprile 2013 Nessun commento

La scrittrice in persona, Claude Delay, ha presentato il contenuto del suo libro sui due fratelli Giacometti, che lei conobbe a Parigi.
Pubblicato in francese nel 2007, ora tradotto anche in tedesco, il libro è stato presentato venerdì scorso, in un’affollata stüa della Ciäsa Granda, nell’ambito del Festival dell’arte.


Claude Delay ha incantato il pubblico con i suoi racconti su Alberto e Diego Giacometti, che lei conobbe personalmente a Parigi, e sui quali ha scritto il libro Giacometti, Alberto e Diego, l’histoire cachée, tradotto in tedesco Alberto und Diego Giacometti – Die verborgene Geschichte.
Psicanalista e scrittrice, è nata nel 1934 a Neully-sur-Seine, presso Parigi. Ha pubblicato diversi romanzi e biografie, fra cui quella della stilista Coco Chanel.

Ascolta dalla viva voce della scrittrice alcune sue osservazioni sui fratelli Giacometti e sul ruolo della madre Annetta (in francese – traduzione scritta).

«Alberto e Diego Giacometti sono una coppia. Una coppia che è cominciata nell’infanzia – Alberto è nato nel 1901, Diego nel 1902. Ma soprattuto perché Annetta, la loro madre, che era la madre-montagna, che era una donna straordinaria, ha deciso, per proteggere Alberto che era perso, da solo a Parigi e sempre molto ansioso, nervoso e vulnerabile, di inviare Diego. E così ha segnato il loro destino, perché non si sono più separati fino alla morte.

«In quel famoso atélier di via Hippolyte-Maindron, Diego lavorava tutti i giorni per suo fratello, il quale rientrava la notte dai suoi vagabondaggi notturni e disegnava sul tavolo, il loro tavolo coperto di polvere, “domani fai questo” e Diego eseguiva. È stato veramente il guardiano, nel senso greco del termine, di suo fratello.

«E poi ha sviluppato la sua propria opera. E questo è molto bello. Quando Alberto era morto e io andavo all’atélier a trovare Diego, mi ricordo quelle meraviglie che stava preparando per il Museo Picasso. Lui mi disse: “Alberto è stato la chance della mia vita”. Ed era diventato lui stesso Alberto, in questo senso che ricominciava, che non era mai soddisfatto. Io dicevo: “Ma che meraviglie che hai fatto!”. “Tu credi?” mi diceva lui, con la sua voce sostenuta, senza crederci».


Sul Festival dell’arte ascolta anche il Foglio Volante della Rete Due

Silvia Rutigliano

Commenta questo articolo








4 + = tredici