Cantone dei Grigioni, Home

L’Alleanza di Centro fa appello alla moderazione e al buon senso

1 dicembre 2022

Nel settembre 2020, quando la revisione della legge sulla caccia è stata respinta, nei Grigioni si contavano sei branchi di lupi.


Attualmente undici branchi vivono nei Grigioni e dintorni. L’ammassamento nella zona di Surselva/Grigioni centrale/Moesa, dove sono stati avvistati otto branchi, è preoccupante. 506 attacchi di lupo al bestiame sono già stati indennizzati nei Grigioni nel 2022. Nel 2020 ce n’erano stati solo 257, nonostante un numero di misure di protezione del gregge inferiore a quello attuale.

La tensione della coesistenza tra lupo e uomo è aumentata notevolmente. Altre cinque coppie di lupi nei Grigioni e dintorni avranno presto una prole. Il lupo non ha nemici naturali, una coppia di lupi dà alla luce 5-6 cuccioli ogni anno. È facile calcolare quanti lupi dovranno cercare cibo nelle valli dei Grigioni tra due anni.

Gli allevatori stanno già facendo quanto umanamente possibile per proteggere le greggi. Ma anche gli incontri ravvicinati tra lupi e persone sono aumentati esponenzialmente negli ultimi due anni. Ciò dimostra che la timidezza dei lupi diminuisce con l’aumentare della competizione per il cibo, e che il rischio di attacco aumenta. Non sorprende che gli agricoltori e le autorità dei Grigioni abbiano raggiunto i loro limiti.

Non vogliamo sradicare il lupo, fa parte della biodiversità dei Grigioni. Tuttavia, le esperienze della scorsa estate non lasciano spazio a dubbi: è necessario regolare la popolazione del lupo, come quella dello stambecco, a un livello tollerabile. Come promemoria: lo stambecco, anch’esso protetto, è coerentemente regolamentato, sebbene non abbia un impatto negativo sulla natura. Sebbene non uccida gli animali da allevamento. Sebbene la sua carne non sia considerata una prelibatezza.

Il lupo non è più a rischio di estinzione in Svizzera. Una gestione del lupo più attiva e sempre attenta è ormai indispensabile, nonostante la Convenzione di Berna. In caso di sovrappopolazione massiccia in una piccola area deve essere possibile eliminare un intero branco. Anche l’UE ha riconosciuto i segni dei tempi. Nelle ultime settimane, la maggioranza del Parlamento europeo ha chiesto di rafforzare la regolamentazione del lupo.

Una chiusura dogmatica e radicale degli occhi non aiuta nessuno, ciò che ci vuole è un sano buon senso e moderazione. Altrimenti, a medio termine, a farne le spese saranno innanzitutto l’agricoltura e la coltivazione di terreni in montagna. Poi toccherà al turismo dei Grigioni. Allora, al più tardi, l’appello per una nuova eradicazione del lupo diventerà inequivocabilmente forte. Questo è quello che vogliamo prevenire!

La Direzione dell’Alleanza di Centro dei Grigioni:
Aita Zanetti, copresidente
Kevin Brunold, copresidente
Martin Bettinaglio, copresidente del gruppo parlamentare
Reto Crameri, copresidente del gruppo parlamentare

Notizie in tempo reale

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Avvisi

Offerta di lavoro

ep

Elettricista diplomato.

Offerta di lavoro

comune_avviso-1

Insegnante di scuola elementare.

Divieto assoluto di accendere fuochi all’aperto

Divieto

La misura è attiva nel Canton Ticino, nel Moesano, in Valposchiavo e in Val Bregaglia.

Avvertimento sull’accesso ai laghi dell’Engadina Alta

Comune

In seguito alla formazione di ghiaccio sui laghi si avvisa del serio pericolo cui ci si espone nell’accedervi.

Inserzione a pagamento

Pubblichiamo le tue foto

Rosso di sera

Rosso

Foto di M. Spataro.

Bollettino attuale delle piste

Inserzione a pagamento

Satira di Bregaglia

La vignetta della settimana

sr

Per sorridere un po’.