Bregaglia, Frana Pizzo Cengalo, Home, a-GRit

Il progetto di ricostruzione «Bondo II» è iniziato

11 settembre 2021

È iniziata la costruzione di un nuovo progetto di protezione contro le inondazioni e le colate detritiche intorno al villaggio di Bondo. Nei prossimi quattro anni e mezzo, saranno costruite dighe di protezione, nuovi ponti e strade e una linea elettrica ad alta tensione verrà interrata.

Il progetto costerà 42 milioni di franchi e sarà finanziato dalla Confederazione, dal Cantone dei Grigioni, dal Comune e da donazioni.

Quattro anni dopo la tragica frana del pizzo Cengalo e le drammatiche colate di detriti della Val Bondasca, sono iniziati i lavori del progetto di ricostruzione «Bondo II». Si tratta di proteggere a lungo termine le frazioni Bondo, Spino, Sottoponte e Promontogno e le strade della valle da simili pericoli e di ricollegare le frazioni.

Il progetto d’ingegneria idraulica Bondo II comprende essenzialmente la costruzione di argini protettivi, muri di protezione dalle inondazioni e protezione dell’alveo dei fiumi Bondasca e Maira, i ponti sulle strade del Maloja e per Promontogno saranno sollevati e il “Punt” distrutto tra Promontogno e Bondo sarà sostituito da un nuovo ponte più alto. Inoltre, sarà realizzata una nuova fermata dell’autobus per Bondo e un collegamento pedonale sicuro tra Bondo e Spino/Sottoponte e la linea elettrica verrà interrata. Tutte le misure di costruzione saranno attentamente integrate nel paesaggio e nell’ambiente circostante.

I costi totali ammontano a 42 milioni di franchi. I sussidi della Confederazione e del Cantone dei Grigioni ne copriranno circa due terzi. Rimangono al Comune di Bregaglia circa 13 milioni di franchi. La maggior parte di questo potrà essere finanziato attraverso le donazioni.

All’insegna del motto «insieme/gemeinsam», il Comune di Bregaglia ha celebrato sabato la cerimonia di posa della prima pietra del progetto con il presidente del Governo grigionese Mario Cavigelli, la direttrice dell’Ufficio federale dell’ambiente Katrin Schneeberger, rappresentanti del team del progetto e del Comune di Bregaglia, nonché ospiti della società e della politica.

Costruire ponti per la popolazione
Il sindaco Fernando Giovanoli ha commemorato le otto persone morte nella frana del 2017 e allo stesso tempo ha ricordato il grande coinvolgimento e la solidarietà che gli eventi hanno scatenato. «Fin dal primo giorno, la popolazione colpita della valle si è sentita sostenuta dal Comune, dal Cantone, dalla Confederazione e da centinaia di migliaia di svizzeri che hanno donato o partecipato in altri modi.»

Il presidente del Governo Mario Cavigelli ha ricordato la stretta collaborazione di tutti i coinvolti, che ha permesso nel 2017 di proteggere in poche settimane le parti colpite dei villaggi da ulteriori pericoli naturali, in modo da poter essere nuovamente abitate nella zona non distrutta. Il progetto di ricostruzione «Bondo II» assicura ora i villaggi a lungo termine contro i pericoli naturali dei fiumi Bondasca e Maira. «Ma stiamo anche costruendo dei ponti!» ha sottolineato il presidente del Governo. «Bondo II mette in sicurezza il traffico attraverso la valle e ripristina i tradizionali collegamenti tra gli abitanti di Bondo, Spino, Sottoponte e Promontogno».

Katrin Schneeberger, direttrice dell’Ufficio federale dell’ambiente, ha partecipato alla cerimonia di posa della prima pietra quale rappresentante della Confederazione. «Le misure attorno a Bondo sono un esempio di gestione globale del rischio, che comprende misure tecnico-strutturali, pianificazione e organizzazione del territorio. «Bondo II» è un progetto particolarmente riuscito perché tiene conto anche delle preoccupazioni della protezione del paesaggio e dei monumenti e rappresenta una cooperazione riuscita tra il Comune, il Cantone e la Confederazione. Compiti così complessi possono avere successo solo con la cooperazione», ha detto alla cerimonia di inaugurazione.

Anche l’ingegnere Gianfranco Bronzini, che ha contribuito allo sviluppo del progetto, ha sottolineato la collaborazione: «Ingegneri idraulici, costruttori di strade, costruttori di ponti, paesaggisti e architetti, insieme al Comune e al Cantone, hanno sviluppato un progetto che non solo protegge le persone e le infrastrutture dai pericoli naturali, ma è anche particolarmente attento all’ambiente sensibile circostante».

Donazioni importanti
Dal 2017, circa 14,3 milioni di franchi svizzeri sono stati raccolti in donazioni. La commissione delle donazioni nominata dal Governo, composta da rappresentanti del Cantone dei Grigioni, del Comune di Bregaglia, delle organizzazioni umanitarie (Catena della Solidarietà, Caritas, Patronato Svizzero per comuni di montagna) e dell’assicurazione fabbricati dei Grigioni, decide sull’utilizzo concreto di queste donazioni.

Finora, il Comune ha ricevuto circa 2,24 milioni di franchi svizzeri in donazioni. Altri 618’000 franchi svizzeri sono andati a privati, commercianti e associazioni colpiti. Le donazioni sono utilizzate solo quando tutte le altre possibilità di finanziamento – come sussidi o pagamenti assicurativi – sono state esaurite e sono disponibili i conti finali per i progetti corrispondenti o la riparazione dei danni. La Commissione delle donazioni presume che tutte le donazioni rimanenti saranno utilizzate per finanziare i prossimi progetti nell’ambito di Bondo II per i costi rimanenti che dovranno essere sostenuti dal Comune.

Descrizione del progetto (tedesco)

Notizie in tempo reale

Inserzione a pagamento

Avvisi

Torna il vaxbus

Impfbus

A Maloja ed a Vicosoprano venerdì 24 settembre.

Ci piace segnalare

Mercatino

Mercatino

Compra-vendita di oggetti per bambine/i, a Vicosoprano il 6 ottobre.

Mostra di architettura nei crotti

CrottiBondo

Fino al 3 ottobre. Sono esposti lavori degli studenti dell’ETH di Zurigo.

Vignette bregagliotte

La vignetta della settimana

Schermata 2021-09-17 alle 14.41.35

Guardala.