Cultura, Home, a-GRit

Estate culturale in Bregaglia

27 agosto 2020

//comunicato stampa\\
La Biennale Bregaglia 2020 sta riscuotendo un grande successo! L’estate in corso richiede esperienze individuali, è quindi gratificante vedere il grande interesse che sta ottenendo la prima Biennale.

Quest’anno sulla storica collina di Nossa Dona / Lan Müraia, sopra Promontogno, gli amanti dell’arte e gli escursionisti possono ammirare lungo i sentieri nel bosco, nella chiesa, accanto alla torre fortificata medievale e nella rimessa opere di artisti contemporanei come Roman Signer, Not Vital, Zilla Leutenegger e Sonja Feldmeier. La costruzione in metallo rosso di Alex Dorici alla vecchia stazione doganale è diventata nel frattempo il punto di riferimento della prima Biennale Bregaglia 2020. Dall’inaugurazione, il 4 luglio, tra le 50 e le 100 persone visitano giornalmente la mostra. La Biennale Bregaglia 2020 durerà fino al 27 settembre; per chi desidera visitare la mostra è disponibile una guida cartacea, una guida audio per cellulari e, durante gli eventi collaterali, vengono proposte delle visite guidate.

Nel fine settimana del 26-27 settembre, durante il finissage, verrà presentata la pubblicazione sulla mostra e contemporaneamente si terrà l’apertura ufficiale del noto Festival della Castagna. In Bregaglia è quindi garantita una transizione continua nell’offerta culturale.

Ma non solo a Promontogno gli amanti dell’arte e della cultura possono ammirare delle opere artistiche, a Castasegna, presso la Galleria il Salice, si può visitare un’esposizione con incisioni di Maya Grieser dal titolo “qui e altrove”. Dal 29 agosto tutto si concentrerà attorno a Plevano e al tema “chiaroscuro”.

A metà valle, presso la Rimessa del Palazzo Castelmur di Stampa, sta volgendo al termine la mostra degli artisti Jan Vichr, Inge Kosková, Jan Nas “UNDER SEARCH & TRANS FORMING”. Sono esposti disegni e sculture dei tre artisti con riferimento alla Bregaglia. Il 30 agosto si inaugurerà l’esposizione dell’artista Martin Ruch che ritrae scene della vita di Segantini.

Per chi desidera approfondire le conoscenze del pittore Segantini, Maloja, il villaggio che ospitò l’artista fino alla sua morte, ha molto da offrire. L’Atelier Segantini è aperto tre volte alla settimana mentre alla Chiesa Bianca è già stata inaugurata la seconda mostra dell’estate 2020 dedicata a Giovanni Segantini. La Chiesa Bianca fu costruita dal conte belga Camille de Renesse nel 1882. Oggi è una chiesa sconsacrata e offre spazio a mostre di ogni tipo. Fino alla fine di agosto ospita un’esposizione d’arte dedicata a Segantini dal titolo “Giovanni Segantini Simbolista”.

Ulteriori informazioni sulle mostre, esposizioni e sui musei della regione Bregaglia sono disponibili sul sito www.bregaglia.ch.

Bregaglia Engadin Turismo

Vignette bregagliotte

La vignetta della settimana

hq

Guardala.