Aziende Bregaglia, Economia, Home, a-GRit

Settant’anni di Pasticceria Salis

11 luglio 2019

Un esempio di azienda pronta a unire tradizione e nuove creazioni. Hanno festeggiato con la gente di Castasegna.

In un periodo difficile per i piccoli negozi di paese, segnato da varie chiusure e difficoltà, in Svizzera come in Italia, ci sono storie di imprese a conduzione familiare che affondano le proprie radici nel passato e guardano al futuro con innovazione. Un chiaro esempio di azienda pronta a unire tradizione e nuove creazioni è quello dell’attività fondata il 9 luglio del 1949 nel piccolo paese della Val Bregaglia. Renzo Salis, impiegato come portalettere all’ufficio postale di Castasegna, decise di iniziare a produrre dolci nell’edificio situato sulla via principale del borgo di confine. Non fu una scelta casuale. Già verso il 1880, infatti, suo nonno Sebastiano Salis era titolare di una pasticceria a Varsavia in Polonia. Anche il padre Ernesto lavorava nel settore del commercio. L’impresa di Renzo Salis e Lotti Salis Krüger è cresciuta nei decenni successivi, quelli del boom economico, grazie alla produzione di dolci e alla vendita di vari prodotti lungo quella che allora era la strada del Maloja.

Dal 1997 alla guida di quest’attività c’è Ursula Fogliada-Salis, figlia di Renzo Salis e di Lotti Salis-Krüger, affiancata – dal 2008 – dal marito Alberto Fogliada, originario di Gordona. «A Castasegna nei decenni passati c’erano una decina di attività commerciali: chioschi e negozi, la banca, la posta, l’Hotel Garni e due benzinai – ricorda Ursula Fogliada-Salis, che dopo l’apprendistato come orafa ha deciso di seguire la tradizione di famiglia -. Ci sono stati tanti cambiamenti, alcuni legati alle chiusure di uffici ed esercizi commerciali, altri invece sicuramente positivi. C’è Villa Garbald, che crea un bel movimento di persone provenienti da vari Paesi, proprio come i sentieri che portano a Soglio e in Valchiavenna e, grazie alla presenza degli escursionisti, rendono vivo il paese. Senza dimenticare i negozi che hanno resistito e la sede di Soglio Produkte, oltre alle varie iniziative culturali promosse in questo borgo». Anche la pasticceria, che è attiva anche come negozio e caffetteria, si è evoluta. «La nostra originalità è la nostra fonte di sopravvivenza», sottolinea con soddisfazione Ursula Fogliada-Salis dalla terrazza del caffè, dove nei primi giorni d’estate s’incontrano abitanti della valle e persone provenienti da tanti Stati: Svizzera, Germania, Italia e altri. «Alcuni prodotti venivano sfornati anche dai miei genitori, altri sono frutto della mia voglia di sperimentare».

Il profumo che si percepisce avvicinandosi al negozio è quello delle torte di castagne (le più originali sono senza dubbio quelle nel vaso) e di noci, dei biscotti prodotti con farina di Coltura e burro bio e degli amaretti di castagne. Da qualche anno ai clienti viene offerta anche la possibilità di degustare il sorbetto preparato con frutta del posto. «Più che di chilometro zero, si potrebbe parlare di centimetro zero – aggiunge Ursula-Fogliada Salis -. Il gelato è una specialità che risale ai tempi della gestione di mio padre. Poi avevamo concentrato l’attenzione su altre cose. Tempo fa ho acquistato una macchina e abbiamo iniziato a produrre dei sorbetti con la frutta coltivata da mio marito Alberto. Nell’orto situato dietro la pasticceria raccogliamo lamponi, fichi, uva e ribes. Senza dimenticare il gelato alle castagne: gli ingredienti sono latte, uova e frutti raccolti in paese».

Tratto da: La Provincia di Sondrio

70 anni festeggiati con la gente.

Notizie in tempo reale

Ci piace segnalare

Azione di beneficenza

arance

Anche quest’anno vengono messe in vendita arance biologiche. Da prenotare entro venerdì.

Pubblichiamo le tue foto

Ago di Sciora con mezza luna

Ago

Foto di Piercarlo Guazzi.

Inserzione a pagamento

Meme made in Bregaglia

La vignetta della settimana

V164

“Vignette bregagliotte” è il nome dell’ironica pagina Facebook.