Altro dal Cantone, Home, a-GRit

La risposta del Governo non soddisfa

7 maggio 2019

Il Governo retico ha risposto all’interpellanza di Maurizio Michael sulla riorganizzazione della Polizia cantonale nella regione Engadina Alta / Bregaglia. L’interpellanza era stata depositata nella sessione di febbraio del Gran Consiglio.


Grazie alla riorganizzazione, la Polizia cantonale grigione sarà maggiormente presente anche nella regione di confine e garantirà più sicurezza. Questa in sostanza la risposta del Governo retico all’interpellanza del granconsigliere Maurizio Michael, che sottolinea come l’accorpamento dei quattro posti di polizia esistenti nella subregione Engadina Alta/ Bregaglia in un’unica sede a Samedan dimostri poca attenzione nei confronti delle regioni periferiche.

“Inoltre – prosegue la risposta dell’esecutivo arrivata lunedì 6 maggio – nel corso degli ultimi anni la collaborazione transfrontaliera con i partner italiani in tema di sicurezza è stata costantemente ampliata”.

Per nulla soddisfatto della risposta Michael, che a Keystone-ATS anticipa: “Aprirò una discussione nella prossima sessione, perché la risposta non è coerente e non entra nel merito delle domande”. In particolare, “il Governo non spiega in alcun modo come la polizia sarebbe più presente sul territorio”.

L’interpellanza, sottoscritta da lui e altri 27 granconsiglieri, segnala anche come la perdita del posto di Polizia cantonale a Castasegna, sostituito da un ufficio utilizzato solo occasionalmente o su appuntamento, renda il territorio di frontiera “privo della presenza di agenti che conoscono la regione e la sua popolazione”, oltre che in grado di comunicare in italiano.

Secondo Michael, “attraverso questa decisione, una volta di più, l’amministrazione cantonale, in questo caso la Polizia cantonale, dimostra poca attenzione e sensibilità nei confronti delle regioni periferiche cancellando posti di lavoro e substrato sociale ed economico”. La riorganizzazione inoltre, si spiega nel testo, ha dato vita a varie proteste provocando in alcuni casi addirittura la disdetta degli accordi di prestazione da parte dei Comuni per la gestione dei compiti di polizia comunale.

Il Governo retico motiva la scelta spiegando che, in base alla strategia immobiliare del Cantone dei Grigioni, il Gran Consiglio ha preso atto della concentrazione dell’attività amministrativa in nove centri regionali forti, tra cui l’Engadina Alta dove è quindi prevista la realizzazione di un centro amministrativo regionale in cui verrà sistemata anche la Polizia cantonale. Il centro avrà sede a Samedan e sarà operativo dal 2024.

In quanto ai problemi linguistici, la risposta spiega che “da alcuni anni la Polizia cantonale ha creato la possibilità del primo stazionamento nella regione d’origine. Ogni anno tra due e tre allievi di scuola di polizia provenienti dalla Regione Engadina conseguono l’attestato professionale federale di agente di polizia. Successivamente questi sono e rimangono attivi nella regione d’origine”. “L’esperienza attuale – ribatte il granconsigliere – è la presenza di agenti che parlano solo tedesco e che sono fuori dal territorio, di cui non hanno alcuna conoscenza”.

Fonte: ats

Notizie in tempo reale

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Ci piace segnalare

Camminata non competitiva

CSB

In occasione della Giornata mondiale dell’Alzheimer. Sabato 21 settembre.

Corsi

formazione

Le prossime proposte: seminario di camminata sul fuoco! Corso di tedesco per principianti.

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Inserzione a pagamento

Meme made in Bregaglia

La vignetta della settimana

Vignetta145

“Vignette bregagliotte” è il nome dell’ironica pagina Facebook.